Ascom Cremona
oggi è Gioved 24 Aprile 2014
 





AIUTA ANCHE TU l'Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona per la creazione di un Polo di Terapia Innovativa e Tecnica Robotica, Chirurgia Robotica e Servizio di Terapia Molecolare

Fai subito la tua donazione:




I GRUPPI ASCOM
Elenco dei gruppi Ascom:



ASSOCIAZIONI TERRITORIALI
Elenco delle sedi delle associazioni e delegazioni territoriali presenti nella provincia di Cremona:



Home > Comunicazioni > Comunicati

17 Luglio 2012

Lavoro a chiamata: nuovi adempimenti

Obbligatori dal 18 luglio

dal : 17 Luglio 2012  al : 17 Settembre 2012
 



Cambiano gli adempimenti obbligatori per l’attivazione de contratti a chiamata. Il provvedimento del Governo è immediatamente esecutivo, entrerà in vigore domani (mercoledì 18 luglio) ed interessa direttamente anche le aziende del nostro settore.
Per questo CONFCOMMERCIO CREMONA vuole richiamare l'attenzione sulle indicazioni contenute nella legge 92/2012 che disciplina la riforma del mercato del lavoro. Confcommercio sottolinea (ancora una volta) che si tratta di adempimenti urgenti riguardanti l’attivazione dei contratti a chiamata. La novità consiste nell’obbligo di dare comunicazione preventiva alla direzione territoriale del lavoro rispetto all’inizio della prestazione a chiamata.
Allo stato attuale, le Istituzioni interpellate non hanno fornito gli ulteriori dettagli circa le modalità con cui effettuare la comunicazione e pertanto, in via del tutto prudenziale, si invitano le aziende interessate ad inviare via fax alla Direzione Territoriale del Lavoro al numero di Fax 0372 403040 la suddetta comunicazione di utilizzo del lavoratore a chiamata prima dell’inizio della attività lavorativa del medesimo.
La stessa comunicazione può essere inoltratat anche via mail all'indirizzo: DPL-Cremona@lavoro.gov.it.
L’informazione alla Direzione Territoriale dovrà essere fatta preventivamente all’avvio della prestazione lavorativa di ogni singolo lavoratore a chiamata convocato e per ogni singola giornata di lavoro.
Si ricorda che sono previste sanzioni da 400 euro a 2400 euro per ogni lavoratore per cui viene omessa la comunicazione. Inoltre, si consiglia di conservare la ricevuta di ogni fax inviato che potrà essere esibita agli ispettori del Lavoro nel caso di accesso ispettivo successivo.
Alleghiamo anche a questa nota il fac-simile da utilizzare per la comunicazione.



Allegati
Scarica il modulo per la comunicazione (Formato PDF) Scarica il file
Scarica il modulo per la comunicazione (Formato Excel) Scarica il file
Scarica il modulo per la comunicazione (Formato Word) Scarica il file






AREA SOCI/UTENTI




ASCOM INFORMA